Clem

Per prima volta da quando avevo credo otto anni ed avevo vinto ad una giostra un pesce rosso che con tipico egocentrismo avevo chiamato con il mio nome, e che era durato circa due giorni, ho la responsabilità di un essere vivente.

Si chiama Clem, ed è un mandarino cinese od una cosa così. Necessita di acqua una volta a settimana e di essere lasciata in pace. In pratica, ha bisogno che qualcuno, ogni tanto, si ricordi che esista e si prenda cura di lei.

Eppure, tutto ciò è terrorizzante. Poco fa ero in balcone, tastando il terreno e cercando di capire se era umido, se avesse bisogno di altra acqua, dando vita anche ad un mezzo consulto con il mio co-inquilino.

Se dovesse morire, quel poco che rimane della mia autostima morirebbe con lei. Se non riesco ad accudire qualcosa che mi chiede così poco, come farò a prendermi cura di un figlio, una moglie, o persino di me stesso?

Vado a controllare se il terreno è umido.

Advertisements

About sonounuovo

sono un uovo
This entry was posted in massimi sistemi, ripieno. Bookmark the permalink.

One Response to Clem

  1. Bikky says:

    Ma quanto sei tenero!!!!!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s