Padre

Padre, la mattina mi sveglio e salgo in macchina. Arrivo a lavoro e sono già pieno di paura. Uscirò da lì 12 ore dopo, salirò in macchina, arriverò a casa, i piatti, mi stirerò una camicia, qualche telefonata, a letto. Il giorno dopo uguale.

Non esistono più i lunedì e i mercoledì, ma un unico lunghissimo giorno indistinto, e il fine settimana.

Ho di che pagare l’affitto, posso andare in pizzeria il sabato sera.

Padre non leggo e non scrivo più. Bevo troppo. Ho sempre mal di stomaco. Ogni giorno mi diminuisce come persona.

Padre, è questa la vita che volevi per me?

“And you think you are so clever and classless and free

but you are still fucking peasants as far as I can see”

“E pensate di essere così furbi e fuori dalle classi e liberi

ma sei ancora un fottuto contadino per quanto posso vedere”

“Così son diventato mio padre

ucciso in un sogno precedente

il tribunale mi ha dato fiducia

assoluzione e delitto, lo stesso movente”

Advertisements

About sonounuovo

sono un uovo
This entry was posted in ripieno and tagged , , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s